CINEMATOGRAFO LA FILANDA


Continua la programmazione di

TOLO TOLO


Il nuovo film di Checco ZALONE

CINEMATOGRAFO LA FILANDA


Prossimamente

hammamet


Regia di Gianni Amelio.

con Pierfrancesco Favino.

stagione teatrale la filanda


Venerdì 30 gennaio 2020

SEPARAZIONE


di Tom KEMPINSKI
con Marina THOVEZ e Mario ZUCCA.

Continua la programmazione di TOLO TOLO, l'attesisiimo novo film di Checco ZALONE.

Prossimamente HAMMAMET un film di Gianni Amelio con Pierfrancesco Favino.

A fine mese per LA STAGIONE TEATRALE LA FILANDA andrà in scena SEPARAZIONE di Tom KEMPINSKI con Marina THOVEZ e Mario ZUCCA.

Capodanno al Cinematografo La Filanda

Venerdì
17 gennaio 2020

Ore 21.00

Sabato
18 gennaio 2020

Ore 21.00

Domenica
19 gennaio 2020

Ore 16.00 - 21.00

 

Ingresso:

Intero Euro 6.00

Ridotto Euro 5,00

Trailer

Tolo Tolo

Regia di Checco Zalone.

Con Checco Zalone, Souleymane Silla, Manda Touré, Nassor Said Berya, Alexis Michalik.

È difficile essere Checco Zalone se ogni volta sei chiamato a battere te stesso.

L'attore dopo i successi di Cado dalle nubi (2009), Che bella giornata (2011) E Sole a catinelle (2013), Quo vado? (2016), con cui ha complessivamente incassato in Italia circa 170, torna nelle sale il primo gennaio del 2020 con la sua ultima fatica dal titolo Tolo Tolo.

Checco Zalone, nome d'arte del barese Luca Pasquale Medici, nonostante spesso si diverta a sminuire la sua cultura e preparazione ha conseguito la maturità scientifica ed è laureato in Giurisprudenza.

Oltre all'attività di attore comico bisogna ricordare che ha già pubblicato diversi album tanto che anche la colonna sonora del suo nuovo film, Tolo Tolo, è stata realizzata da lui a cominciare dalla canzone "Se t'immigra dentro il cuore" come ha raccontato in un'anticipazione.

Tolo Tolo è la prima prova anche registica di Checco Zalone che nelle sue precedenti opere aveva a fianco come sceneggiatore oltre che come regista Gennaro Nunziante. Invece per questa nuova avventura, che ha scritto insieme al regista Paolo Virzì, lo troviamo davanti (come attore) e dietro la macchina da presa.

E non deve essere stato facile viste le difficoltà che è stato necessario superare: dal numero di comparse straordinariamente grande, oltre il centinaio, ai numerosi set allestiti. Infatti il film è stato girato partendo dall'Italia da Roma a Bari fino a Trieste (dove è stato dato l'ultimo ciak), per approdare a Malta e poi in Kenia passando dal Marocco.


Prossimamente al Cinematografo La Filanda

 

Ingresso:

Intero Euro 6.00

Ridotto Euro 5,00

 

Trailer

Hammamet

Regia di Gianni Amelio.

Con Pierfrancesco Favino, Livia Rossi, Luca Filippi, Silvia Cohen, Alberto Paradossi.

Raccontare gli ultimi sei mesi di Bettino Craxi è l'obiettivo, difficile e molto sensibile per l'Italia, dell'ultimo film di Gianni Amelio dal titolo Hammamet. Sono passati 20 anni dalla sua fine prematura in Tunisia, complesso dire se pochi o molti per cominciare a guardare con il giusto distacco il discusso leader politico socialista.

Ma Gianni Amelio con la complicità di un Pierfrancesco Favino reso straordinariamente somigliante ci prova. Il film esce al cinema il 9 gennaio 2020, mentre il 19 gennaio del 2000 veniva a mancare l'ex premier italiano.

"Il film è collocato esattamente nell'ultimo anno del 1900, nel 1999. Io racconto sei mesi di vita di un uomo politico importante fino alla sua morte, ma non è un arco narrativo che somiglia a una biografia, tutto il contrario. Racconto gli spasmi di un'agonia".
Gianni Amelio.

Un personaggio per cui appare calzare a pennello il detto inglese larger than life, questo è stato Bettino Craxi che concluse in Tunisia e proprio nell'Hammamet del titolo gli ultimi anni della sua vita. Da esiliato, come sosteneva lui, da latitante come sostenevano i magistrati dell'inchiesta chiamata Mani Pulite che terremotò il mondo politico italiano negli anni Novanta. Quello che è certo e che l'ex leader socialista arrivò all'ultimo appuntamento solo, amareggiato e molto malato sia per il diabete sia per un tumore.

Da quanto è stato anticipato, il film non mette l'accento sull'uomo politico ma si concentra maggiormente sulla sua vita privata. Anche se non mancheranno i riferimenti alla realtà dell'epoca, inestricabile con Craxi, e alle inevitabili considerazioni sulla perdita del potere. Nel cast, oltre a a Pierfrancesco Favino, troviamo Renato Carpentieri, Claudia Gerini, Livia Rossi e Luca Filippi.

Il film rappresenta anche un'operazione di mimesi straordinaria che ha portato Amelio a girare nei luoghi precisi dove si consumarono gli ultimi anni del leader politico. Tanto che uno dei set riguarda proprio la casa tunisina di Craxi.


Stagione Teatrale La Filanda

 

Venerdì
31 gennaio 2020

Ore 21.00

 

 

INGRESSI

 

Intero Euro 10.00

Ridotti Euro 8.00

 

 

Prenotazione Biglietti

LUDUS IN FABULA

Separazione

di Tom KEMPINSKI

Regia e traduzione: Marina THOVEZ - Con: Marina THOVEZ e Mario ZUCCA - Scene Eugenio GUGLIELMINETTI

 

Separazione è la storia di Sarah, attrice newyorkese, e Joe, commediografo londinese, separati appunto, da un oceano.

I due non si conoscono, ma il destino intreccia le loro esistenze. Sarah vuole mettere in scena una famosa commedia di Joe e lo chiama al telefono per chiedergli il permesso.

Tutto finirebbe qui se non fosse che lo scrittore, da tempo bloccato sulla pagina bianca, buffo malato di agorafobia, ciccione e solo, ha un forsennato bisogno di parlare con qualcuno. E Sarah ha una particolarità che la rende in grado di identificarsi con la protagonista della commedia di Joe meglio di chiunque altro. Attraverso l’oceano e i fili del telefono tra i due nasce una sorprendente amicizia, e finalmente s’incontrano…

Continua a leggere